mercoledý, 16 ottobre 2019 01:52
Home
Contatti
EVENTI___________
Musica
Teatro
Arte
Dibattiti
Cinema
CIRCOLO_____________
Studio e Sala Prove
Associazione e Circolo
DIDATTICA____________
Corsi e Formazione
Insegnanti
Approfondimenti
MATTAVIDEO
LA WEB RADIO AGRO SOUNDSYSTEM
ASCOLTA I NOSTRI LIVE DEL VENERDI

OFFICINA MUSICALE AUTOPRODUZIONE
menutam.jpg
<<MY SPACE OMA>>
Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter riceverai periodicamente informazioni su eventi, iniziative e concerti dell'exmattatoio






Home arrow Studio e Sala Prove arrow Fondamenta - Gli artisti
Fondamenta - Gli artisti PDF Stampa E-mail
Un'ampia panoramica degli artisti presenti alla rassegna e la scaletta del disco che potrete trovare all'exmattatoio e che vi invitiamo ad ascoltare e a diffondere come potete.

01 Aprile 2007                                                                                 PARKER

Don Giovanni Burlesque

Modern Swing Burlesque

Don Giovanni Burlesque è una formazione che parte dal jazz, passando per il rock'n'roll fino ad arrivare al cha cha cha come se nulla fosse... Questo magnifico quintetto reinterpreta gli evergreen con uno stile personale, fortemente barocco, che eccede le composizioni e lascia l'ascoltatore con un palmo di naso.

  • Alessandro Lori - Vox
  • Paride Furzi - Cb
  • Claudio Giusti - Sax
  • Angelo Capozzi -  Gtr
  • Fabrizio Reali - Drm

 

Preconcert

Suono: Parker The Quintet' - Jazz At Massey Hall (1953)
Visione: Charlie Parker, Coleman Hawkins, Lester Young (1950)

Postconcert

Visione: Sonny Rollins - Montreux jazz festival (1982)

 
08 Aprile 2007                                                                             COLTRANE

Impromachine

Jazz Experimental

Serata letteraria

"Vite jazz" a cura di Dario Andolfi

Nato come evoluzione del collettivo Impromachine attivo dal  2003. Come nell'idea del collettivo era forte una volontà di sperimentazione a 360 gradi, che ha portato i suoi elementi ad incontrarsi con musicisti di rilevanza internazionale (Frank Gratkowski, Michel Godard, Vincent Courtois, Benat Achiary solo per citarne alcuni), così nel trio diviene forte la volontà di sintesi fra le istanze dell'avanguardia e una necessità narrativa di tipo poetico, passionale ed intensa. Si presentano in maniera completamente  acustica,  ritornando alle origini del suono e del linguaggio improvvisativo e compositivo.
 

  • Marco Colonna - Sax & Clarinetto Basso
  • Luca Corrado - Tuba
  • Stefano Capellini - Drm

Preconcert

Suono: Monk Quartet with John Coltrane at Carnegie Hall (1957)
Visione: Miles Davis & John Coltrane - So What (1959)

Postconcert

Visione: Miles Davis, John Coltrane, & Gil Evans BigBand - New York (1960)

John Coltrane with McCoy Tyner Jimmy Garrison Elvin Jones (1963)


15 Aprile 2007                                                                                      DAVIS

Raffaele Ferrari  Quartet

Jazz Sentimental

Musica e profumi

a cura di Susi Trisolin e Antonella Spata

Associazione culturale Kirikù

L' idea che la musica possa essere un mezzo speciale ma al tempo stesso immediato, senza mezzi termini, nell' esprimere se stessi, costituisce il motore pulsante del RafFerrari Quartet. L'ensemble creato e diretto dal pianista e compositore lucano, Raffaele Ferrari, propone una serie di brani originali dall'immediato impatto emotivo. Veri e propri racconti dell'anima, tra forma musicale e improvvisazione. Melodia e ritmo prendono forma dalle note del trio jazz, che unite al fascino sonoro del violoncello, conducono il pubblico in un viaggio nella musica scritta e quella improvvisata, tra "rievocazione" e "presente musicale".

  • Raffaele Ferrari - Piano
  • Vito Stano - Violoncello
  • Guerino Rondolone - Cb
  • Claudio Sbrolli - Drm

Preconcert

Disco: Davis - Kind of Blue (1959)

Postconcert

Visione: Miles Davis and Friends in Paris with H.Hancock C.Corea S.Grossman W.Shorter J.Scofield J.McLaughlin J.Zawinul (1991)

 

22 Aprile 2007                                                                                      MONK

Lestrio

Jazz Classic

Ad avere l'idea di sviluppare una formazione di trio jazz di tipo open è stato Steve che, insieme ad Ersilio, mise a punto il programma musicale e ne delineò le linee guida. Si volevano ricreare le atmosfere care a Bill Evans, ma anche andare oltre, nella contaminazione con ritmi latini, funky e acid-jazz, di lasciare quanto più spazio possibile alla creatività ed all'improvvisazione. Con Arturo il Lestrio esprime maggiormente la propria propensione alla contaminazione con i ritmi latini, con grande eleganza formale, grande precisione, ma anche tanta grinta.

  • Arturo Valiante - Piano
  • Steve Mariani - Cb
  • Ersilio Sali - Drm

Preconcert

Disco: Monk - ‘Round Midnight (1944-1948)
Visione: Thelonious Monk Quartet - Epistrophy (1962)

 

Postconcert

Visione: Thelonious Monk - In Japan (1963)


29 Aprile 2007                                                                                      URBANI

Divertrio

Jazz Free

"Free Images" di Gabriele Maschio

Divertrio formazione di recente costituzione, è formato da Davide Grottelli ai sassofoni, Gianni D'Alessio al contrabbasso e Massimo Frasca alla batteria. La musica del Trio è senz'altro influenzata delle varie esperienze musicali che ognuno dei musicisti ha compiuto nel corso della propria carriera, varietà ampiamente esplicate nelle composizioni, che sono tutte originali. La ricerca di un linguaggio comune e sintetico che rappresenti le personalità dei musicisti, porta in continuazione i tre ad una sorta di scomposizione/ricomposizione del materiale tematico e armonico di partenza. Ed è proprio in questa continua mutazione che è racchiuso il gioco del DIVERTRIO, nell'attento ascolto delle possibilità offerte da ogni suono che nasce e nell'istantaneo, "improvviso" sviluppo che ne consegue.

  • Davide Grottellli - Sax
  • Paride Furzi - Cb
  • Massimo Frasca - Drm

Preconcert

Disco: Massimo Urbani con Danilo Rea e Roberto Gatto - The Blessing (1993)
Visione: Massimo Urbani nella fabbrica abbandonata (1994) Prima parte

Postconcert

Visione: Massimo Urbani nella fabbrica abbandonata (1994) Seconda parte


06 Maggio 2007                                              ITALIAN SPAGHETTI JAZZ

Milena Angelè Quartet

Jazz Elettronico

Con questo organico propone in chiave jazzistica le musiche di colonne sonore di film, privilegiando il patrimonio cinematografico italiano. Sono in repertorio lavori tratti dal cinema italiano di Sergio Leone (con le splendide musiche di Ennio Morricone), Federico Fellini (l'incomparabile Nino Rota), così come Piero Piccioni (per le musiche dei film di Alberto Sordi e Francesco Rosi), Armando Trovajoli, ma anche il cinema internazionale con le musiche di Bernard Hermann per i films di Truffaut ed Alfred Hitchcock, ma soprattutto  le musiche di Joe Hisaishi  per i film di Takeshi Kitano.Gli arrangiamenti sono originali, creati espressamente per questo ensemble dai musicisti stessi. 

Il concerto prevede la proiezione dal vivo di alcuni brani filmati elaborati e montati da Edoardo Ravaglia.

 

  • Milena Angelè  - sax & live electronics    
  • Edoardo Ravaglia - Keys & live electronics       
  • Andy Pietropaolo - Bs Mario Lineri - Drm

 

Preconcert

Disco: Paolo Fresu Sextet - Ossi di seppia (1991)
Visione: Stefano Bollani Quintet - Umbria Jazz (2005)

Postconcert

Visione: Stefano Bollani, Paolo Fresu ed Enrico Rava - Umbria Jazz (2001)


13 Maggio 2007                                                              SENTI CHE BASSO

Caterina Palazzi Quartet

Jazz Sentimental

Il quartetto nasce a Roma nel novembre 2006 dall'incontro di quattro musicisti che, sebbene provenienti da esperienze musicali variegate, sono accomunati dalla passione per il jazz e dal desiderio di costruire un progetto originale, frutto di un'intensa collaborazione. Non si può fare a meno di notare una piacevole anomalia: il gruppo e' guidato da una giovane contrabbassista. Il quartetto presenta un repertorio di pezzi originali, brani di Mingus riarrangiati e qualche standard rivisitato. L'obbiettivo e' quello di coniugare la tradizione jazzistica con sonorità più moderne e personali. Sebbene di recente formazione, il gruppo vanta numerose esibizioni in locali di Roma e provincia. Da segnalare e' la partecipazione al concorso nazionale "Baronissi jazz 06", in cui si classifica al primo posto.

  • Caterina Palazzi - Cb
  • Alfredo Sciocchetti - Sax
  • Giacomo Ancillotto - Gtg
  • Maurizio Chiavaro - Drm

 

Preconcert

Disco: Jaco Pastorius - Jaco Pastorius (1976)
Visione: Thelonious Monk in Oslo - Blue Monk (1966)

Postconcert

Visione: Jaco Pastorius - Live At Montreal (1982)


20 Maggio 2007                                                        AMMAZZA CHE RITMO

Moira Lo Bianco Quartet

Jazz Funk

Pittura Estemporanea di Mirko Marcacci

I Dislikers sono un quartetto proveniente da diverse esperienze solistiche e di ensamble, si sono formati nel 2006 lavorando su un repertorio interamente originale del quale sono autori ed arrangiatori. Il contesto musicale di riferimento è il jazz, con contaminazioni funk e non solo, miscellanea resa possibile dalle diverse provenienze e dai diversi gusti di ciascun componente il quartetto. Nel frattempo, continuano a suonare in vari club capitolini, ritenendo il live l'ambiente naturale di sperimentazione e creatività musicale.

 

  • Moira Lo Bianco- Piano
  • Paolo Luciani - Gtr
  • Matteo Pezzolet - El.Bass
  • Carlo Broccati - Drm

 

Preconcert

Disco: Sonny Rollins & Max Roach - Plus Four (1956)
Visione: Art Blakey and The Jazz Messengers Live at The Village Vanguard Club (1992)

Postconcert

Visione: Buddy Rich - Live at Montreal Jazz Festival (1982)

 

 

27 Maggio 2007                                                                 A GRAN VOCE

Marta Raviglia Quartet

Jazz Funk

Presentano all'ExMattatoio il loro nuovo disco

Proiezioni video Guido Cattoli

La ricerca di sonorità nuove e il coraggio di avventurarsi in terreni musicali accidentati fanno del quartetto della cantante Marta Raviglia una formazione atipica e sorprendente. Le esplorazioni timbriche dei vari strumenti e la raffinatezza compositiva sono marchi distintivi di un sound dal carattere perfettamente riconoscibile. Lirismo e virtuosismo convivono con equilibrio nella musica del quartetto, rincorrendosi in cerca della purezza primigenia, dell'ingenuità e della trasparenza, tessendo trame inconsuete e giocando con la forza e la bellezza dirompente dei suoni. Alla fluidità della voce di Marta Raviglia, si uniscono le armonie del pianista Simone Sbarzella e la ritmica possente del contrabbasso di Fabio Penna e della batteria di Alessio Sbarzella. Il repertorio del gruppo composto in gran parte da materiale originale, è arricchito tal volta di jazz standards e di brani presi in prestito da musiche altre.

 

  • Marta Raviglia - vocals/phrase sampler -
  • Simone Sbarzella - Piano
  • Fabio Penna - El.Bass
  • Alessio Sbarzella - Drm

 

Preconcert

Disco: Ella Fitzgerald - Lady be good (2006)
Visione: Billie Holiday & Louis Armstrong - Farewell To Storyville (1947)

Postconcert

Visione: Joni Mitchell - Shadows And Light (Metheny,Pastorius,Brecker) (1980)

< Precedente   Prossimo >

TESSERA ARCI 2013

PARTITO IL NUOVO TESSERAMENTO ARCI
L'ARCI sostiene la cultura! 

Image
La tessera dell'Exmattatoio vale un anno di eventi, arte, musica,teatro, cinema, formazione e tanto altro...La tessera da diritto a partecipare alle attività del circolo e a ogni momento della vita democratica dell'associazione.
WEB LINK
Partner
Galleria Immagini
numero-1.jpg
OFFICINA FORMAZIONE

Impararsuonando – Laboratorio di Apprendimento Musicale

Il laboratorio Impararsuonando è un progetto permanente dell’Exmattatoio – Officine Culturali rivolto a bambini, giovani , anziani, ai professionisti della musica ma anche, e soprattutto, a chi non ha mai preso uno strumento musicale in mano. Il laboratorio secondo i principi della decrescita felice promuove un percorso musicale dedicato alla pratica musicale e non all’ambito teorico e accademico. Impararsuonando promuove uno studio della musica nell’ottica della socialità e convivialità.
Gli strumenti vengono suonati e mai analizzati, si promuovono settimanalmente laboratori di insieme e di condivisione tra le varie classi, dedicando particolare attenzione all’improvvisazione, al senso del ritmo come movimento fluido e continuo, alla tradizione orale e alle musiche popolari.
Integrandosi con le attività dell’OMA (Officina Musicale Autoproduzione) fornisce agli allievi e docenti workshop, seminari, giornate di libera improvvisazione, scambi musicali e culturali in uno spazio autogestito e liberamente autoprodotto.
Il Laboratorio si propone di sostituire il sistema scolastico e accademico con una rete di risorse e di personale educativo, cui gli individui possano rivolgersi liberamente in relazione ai propri bisogni e interessi. 

Impararsuonando ha attivato i seguenti corsi:

Chitarra elettrica e classica Lorenzo Siani
Basso e Laboratori Pop-rock  Fabio Accurso
Batteria Gaetano de Carli
Canto Annalisa Marcello
Armonica a bocca Andrea Ienco
Ukulele e Didattica per bambini da 0 a 6 anni Angelo Capozzi
Tromba Alessio Guzzon

Laboratorio Corale Valentina Vetrano
Laboratorio di Arti Circensi e Giocoleria Compagnia Circo Sonambulos
 
e inoltre
"Incominciamopresto" - Musica per bambini da 0 a 24 mesi
"Musicamaestro"  – Musica per bambini da 24 a 36 mesi
"Musicamaestro"  -  da 3 a 5 anni
"Matta Orchestrina" Didattica strumentale - da 6 a 8 anni
secondo la Music Learning Theory a cura di Angelo Capozzi
 

 

NEWS E PRIMAPAGINA

 

saletta-front.jpg

saletta-retro.jpg