mercoledý, 16 ottobre 2019 01:40
Home
Contatti
EVENTI___________
Musica
Teatro
Arte
Dibattiti
Cinema
CIRCOLO_____________
Studio e Sala Prove
Associazione e Circolo
DIDATTICA____________
Corsi e Formazione
Insegnanti
Approfondimenti
MATTAVIDEO
LA WEB RADIO AGRO SOUNDSYSTEM
ASCOLTA I NOSTRI LIVE DEL VENERDI

OFFICINA MUSICALE AUTOPRODUZIONE
menutam.jpg
<<MY SPACE OMA>>
Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter riceverai periodicamente informazioni su eventi, iniziative e concerti dell'exmattatoio






Home arrow Arte
Arte
Mostra fotografica di Mostra fotografica di Daniel Menegoni PDF Stampa E-mail
fotoGRAFICA
Image
Documentare i tempi in cui vivo

In qualche modo ogni fotografia, da quella tecnicamente più difficile a quella più emozionante, da quella banale a quella simbolica documenta un evento. Un evento può essere inteso come situazione, fatto, avvenimento. Questo che di fatto rappresenta l’essenza della foto giornalistica è strettamente legato al fattore tempo (immediato). Quando parlo però di documentare il tempo in cui vivo non parlo di tempi brevi, ma di variazioni di anni, decenni. Probabilmente le foto scattate oggi avranno un valore simbolico differente tra qualche decennio, perché in una foto c’è una storia, c’è la storia. Pochi uomini hanno la vera percezione di ciò che li circonda. È questione di sensibilità, di impegno, di costanza. È chiaro, oggi banale e lampante, che conosciamo pochissimo quello che ci circonda, non sappiamo la storia delle cose, delle persone, viviamo per inerzia, perché quello che abbiamo funziona. Non abbiamo coscienza storica. Ho visto spesso riconoscere una fotografia ma non riconoscere quello che la foto raccontava. Riuscire a raccontare attraverso una fotografia. Questo è quello che voglio, è questo che divide il fotografo dal grande uomo che racconta una storia attraverso un’immagine. Quando fotografo un’architettura fatta negli anni ’30 in Italia, non voglio dire :”questo è quello che ci ha lasciato il Fascismo” ma voglio dire :”questi sono gli spazi in cui gli uomini si muovevano, queste sono le tracce degli architetti, i migliori del tempo” è per questo che io provo una sospensione del tempo quando fotografo le architetture, perché ricostruisco la vita coeva. Sforzo l‘immaginario. In fin dei conti il Colosseo, oggi venerato e conosciuto nel mondo era un luogo dove si compivano stragi di ordine razziale in qualche modo, ed io non riuscirei a guardarlo sotto altri punti di vista se dovessi fotografarlo. Sarà un limite, lo riconosco, ma troppe cose vengono mostrate per quello che sembrano, ed altrettante non vengono mostrate affatto.
La sento come una missione.

Daniel Menegoni
OTTOBRE 2009 - MOSTRA FOTOGRAFICA PDF Stampa E-mail
Image

Che Bambola!

Mostra fotografica di Fabrizio Corvi

Non son passere, né rose.
Non un sussulto, un gemito, un battito.
Non una parola.
Non una emozione.
Nulla accade su questi fogli, eppure hai un sorriso turbato quando ne vedi uno.
E’  la parte illuminata del male, l’abdicazione ad una mostruosità di plastica.
E’ l’assassina a cui chiedere l’autografo, è la star, è la consumatrice seriale.
E’ il mio modo di vedere la vita ed il mondo: se esiste serve.
Non credo all’esistenza dell’inutile: se esiste serve. 
Su Novella 5000 di questo mese l’intervista esclusiva con il mostro.
La salma verrà esposta nuda per i ludibri popolari.
Venghino signori, venghino… non siamo qui per vendere, ma per regalare.
Gratta la cartolina, puoi vincere un Valium.
Guarda una bambola negli occhi. Ti racconterà tutta la tua vita.
Con affetto.

F.

Leggi tutto...
READING MUSICALE: SARA VANNELLI PDF Stampa E-mail

GIOVEDI 15 OTTOBRE  - h 22.00
SPAZIO ARTI PERFORMATIVE
ARTISTI AL MACELLO!

Image

READING MUSICALE
Guarda che me ne vado
di Sara Vannelli

INGRESSO GRATUITO PER I SOCI

Leggi tutto...
Mostra Pittorica Alessandra Imbriaco PDF Stampa E-mail

Venerdi 18 Settembre 2009 ore 21.00

 

Image 

 Esposizione dal 18 al 30 settembre

Il dentro e il fuori sono ambedue intimi, sono sempre pronti a capovolgersi e a scambiare le loro ostilità. Se vi è una superficie limite tra un tale dentro ed un tale fuori, tale superficie è dolorosa da ambedue le parti.
(Gaston Bachelard)


Nei lavori di Alessandra le figure diventano riconoscibili, ma in una dimensione nuova, dove la forma umana non è descrizione della realtà oggettiva.
Alla base della sua ricerca c'è la volontà di cogliere la visione d'insieme di uno stato d'animo ben preciso.I soggetti illuminati, posti al centro della scena, hanno posture tese, quasi innaturali, il vuoto dal quale emergono è palpabile.Privati della possibilità di nascondere la propria nudità, la propria verità, si caricano di tensione emotiva e le linee di cui sono composti trasformano il corpo, che non è più contenitore di emozioni ma contenuto di uno stato percettibile. Chi guarda sente di invadere uno spazio privato, sorprende attori inconsapevoli, e assiste attivamente alla delineazione di un segreto.
Il tumulto del mondo interiore confluisce in una forma ben riconoscibile, gli stati d'animo si rivelano con sembianze umane.
“Acquario” precede la sintesi degli ultimi lavori. Ciò che rimane celato ne “L'abbraccio” o in “Rosso” esplode invece in “Acquario”, in cui la rappresentazione dell'inquietudine si materializza confusamente in una cascata di colori che contraddicono la presenza di fantasmi macabri.

Mostra fotografica - Il film nudo PDF Stampa E-mail
 Image
 
Giovedì 2 Luglio - h 18.00

  Inaugurazione della mostra di foto di scena

Il film nudo di Claudio Martinez

Interviene l’autore. A seguire sarà proiettato il film Il pane nudo di Rachid Benhadj, Italia (2004)

La mostra resterà aperta fino al 5 luglio - Ingresso gratuito

Questa mostra rappresenta un piccolo estratto del lavoro svolto sul set del film Il Pane Nudo tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Mohammed Choukri. È dedicata al coraggio di raccontare senza filtri la storia difficile di un popolo pieno di contraddizioni in un periodo di dominazioni straniere.
Grazie al regista Rachid Benhadj che mi ha iniziato a questa conoscenza e grazie a Mohammed Choukri che non ho avuto l’occasione di incontrare.

 

<< Inizio < Precedente 1 2 3 4 5 6 Prossimo > Fine >>

Risultati 28 - 36 di 47

TESSERA ARCI 2013

PARTITO IL NUOVO TESSERAMENTO ARCI
L'ARCI sostiene la cultura! 

Image
La tessera dell'Exmattatoio vale un anno di eventi, arte, musica,teatro, cinema, formazione e tanto altro...La tessera da diritto a partecipare alle attività del circolo e a ogni momento della vita democratica dell'associazione.
WEB LINK
Partner
Galleria Immagini
mattabaratto.jpg
OFFICINA FORMAZIONE

Impararsuonando – Laboratorio di Apprendimento Musicale

Il laboratorio Impararsuonando è un progetto permanente dell’Exmattatoio – Officine Culturali rivolto a bambini, giovani , anziani, ai professionisti della musica ma anche, e soprattutto, a chi non ha mai preso uno strumento musicale in mano. Il laboratorio secondo i principi della decrescita felice promuove un percorso musicale dedicato alla pratica musicale e non all’ambito teorico e accademico. Impararsuonando promuove uno studio della musica nell’ottica della socialità e convivialità.
Gli strumenti vengono suonati e mai analizzati, si promuovono settimanalmente laboratori di insieme e di condivisione tra le varie classi, dedicando particolare attenzione all’improvvisazione, al senso del ritmo come movimento fluido e continuo, alla tradizione orale e alle musiche popolari.
Integrandosi con le attività dell’OMA (Officina Musicale Autoproduzione) fornisce agli allievi e docenti workshop, seminari, giornate di libera improvvisazione, scambi musicali e culturali in uno spazio autogestito e liberamente autoprodotto.
Il Laboratorio si propone di sostituire il sistema scolastico e accademico con una rete di risorse e di personale educativo, cui gli individui possano rivolgersi liberamente in relazione ai propri bisogni e interessi. 

Impararsuonando ha attivato i seguenti corsi:

Chitarra elettrica e classica Lorenzo Siani
Basso e Laboratori Pop-rock  Fabio Accurso
Batteria Gaetano de Carli
Canto Annalisa Marcello
Armonica a bocca Andrea Ienco
Ukulele e Didattica per bambini da 0 a 6 anni Angelo Capozzi
Tromba Alessio Guzzon

Laboratorio Corale Valentina Vetrano
Laboratorio di Arti Circensi e Giocoleria Compagnia Circo Sonambulos
 
e inoltre
"Incominciamopresto" - Musica per bambini da 0 a 24 mesi
"Musicamaestro"  – Musica per bambini da 24 a 36 mesi
"Musicamaestro"  -  da 3 a 5 anni
"Matta Orchestrina" Didattica strumentale - da 6 a 8 anni
secondo la Music Learning Theory a cura di Angelo Capozzi
 

 

NEWS E PRIMAPAGINA

 

saletta-front.jpg

saletta-retro.jpg