14 febbraio 2016 - HERBARIE // Le chiamavano streghe

Il laboratorio naturale dell'ex mattatoio presenta, a grande richiesta, lo spettacolo teatrale "Herbarie: le chiamavano streghe". Dopo lo straordinario successo del 31 gennaio verrà organizzata una replica all'interno di una giornata totalmente legata alle Herbarie che prevede - oltre allo spettacolo - un seminario e una mostra fotografica a tema.

Questo il programma:

Ore 16.30 / 18.00 Seminario “I consigli dell’Herbaria sulla Depurazione” Febbraio deriva dal latino “februare” che significa “purificare”. In questo incontro si parlerà di piante disintossicanti, verranno consigliate semplici tecniche quotidiane di depurazione e verranno fornite semplici ed economiche ricette per liberarci dalle tossine.

Assaggi di dolcetti e tisane.

Ore 18.30 Spettacolo teatrale “Herbarie: le chiamavano streghe” del progetto Anemofilia Teatro.
Con: Giambattista Martino, Rossella Barrucci, Manuela Tufariello e Valentina Conti.
Testo di Silvia Pietrovanni.
Musiche dal vivo del Quinto Quarto Trio +
Costumi: Francesca Rizzello

Lo spettacolo è frutto di un lavoro di ricerca storica ed antropologica che l’autrice porta avanti sulla figura della domina herbarum, l’erborista del popolo. Uno spettacolo che ha come obiettivi la rivalutazione delle medicine “alternative” (come l’erboristeria) e la possibilità di far luce sulla medicina delle donne, per anni nascosta dai libri di storia. Alla fine dello spettacolo il pubblico è invitato a riconoscere le piante officinali presenti sulla scena. Chi ne riconoscerà di più riceverà prodotti erboristici autoprodotti.

Durante la giornata, negli spazi dell'associazione, sarà possibile ammirare la mostra fotografica di Silvia Pietrovanni "Dalla terra al corpo, raccolta, essiccazione e lavorazione delle piante officinali".


Ingresso per seminario e spettacolo 10 euro
Solo seminario 5 euro con tessera Arci.

Per info e prenotazioni allo spettacolo si può inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.m
La prenotazione è obbligatoria.